Shanghai si prepara a ricevere il tifone Muifa.

La Cina ha avvertito i residenti e allertato i centri di soccorso d'emergenza a prepararsi a ricevere il potente tifone Muifa che si sta dirigendo verso la costa orientale densamente popolata.

E' previsto che il tifone Muifa possa colpire la Cina nel tardo pomeriggio di oggi e già domani, domenica, potrebbe abbattersi furiosamente su  Shanghai, la città più commerciale della Cina con una popolazione di oltre 23 milioni di abitanti.

Il sito web del quotidiano Shanghai Daily avverte i residenti di prendere le dovute precauzioni,

La tempesta si muove con venti a 163,2 km/h, e dovrebbe intensificare nell'avvicinamento alla costa, con fortissime piogge, mentre il sud è invece immerso in una morsa di calura.

Più di 9.000 navi da pesca sono state richiamate a rientrare nei porti delle province di Zhejiang e Fujian mentre ai funzionari responsabili dei centri di soccorso della regione è stato detto di prepararsi per disperdere i loro materiali.

Il quartiere generale per i soccorsi di Zhejiang si prepara alla evacuazione mentre all'aeroporto di Shanghai si prevedono forti ritardi nei voli

Ai residenti americani che che vivono o viaggiano in Cina orientale è stato consigliato di  "fare scorte di rifornimenti di emergenza quali cibo, acqua e denaro, in caso d'improvvisi black out"

Il tifone Muifa ha causato interruzioni di corrente e feriti già ieri quando è passato presso l'isola meridionale giapponese di Okinawa e ha lambito miracolosamente il nord di Taiwan, con pioggia e venti.



Immagini: wfoster2011.wordpress.com - news.xinhuanet.com -

Post in evidenza

Le 10 più terribili catastrofi naturali della storia

Oleodotti nel Mar Caspio: una partita da giocare

L'alba del nuovo impero

Il mistero delle antiche carte nautiche

Terremoto in Cile: l'anello di fuoco

Energia geotermica: si sperimenta un nuova tecnologia sul Newberry Volcano

Lo tsunami che ha messo in ginocchio il Giappone

La vergogna del mondo consumistico si trova nell'Oceano Pacifico

I grandi disastri ambientali causati dall'oro nero

Referendum in Sudan: una bomba a orologeria