Sommergibili cinesi con equipaggi umani alla scoperta dei fondali oceanici


Iniziai a scrivere "L'alba del nuovo impero " esattamente 6 anni fa, proponendomi di scrivere un lungo articolo sul fenomeno cinese, un mondo a sé stante in grande trasformazione.

In questi anni il paese del Dragone ha fatto progressi straordinari in campo economico, spaziale, ecologico, navale accingendosi ora ad esplorare le profondità marine alla ricerca di metalli preziosi nell'Oceano Indiano con il Jiaolong, un sommergibile con equipaggio umano.

Il sommergibile (immagine a lato) con a capo il comandante della missione Yu Hongjun, nella sua prima spedizione del genere, é sceso ad una profondità di 3.117 metri nell'Oceano Indiano nord occidentale, raccogliendo una serie di campioni di metalli preziosi, tra i quali 4,2 kg di solfuro, 18,7 kg di basalto e 16 litri di acqua di altura oltre testare tutti i suoi sistemi .

Han Xiqiu, uno degli scienziati della spedizione, ha detto che le immersioni future valuteranno il potenziale di risorse della zona. Durante i 124 giorni di navigazione il Jiaolong esplorerà il Mar Cinese Meridionale e lo Yap Trench, una fossa oceanica nei pressi di Yap Island nel Pacifico occidentale. Lo riferisce l'agenzia di stampa Xinhu.a

Jiaolong, che  ha preso il nome di un mitico drago, ha raggiunto la sua massima profondità di 7.062 metri nella Fossa delle Marianne nel giugno 2012.Appena avrà sviluppato la tecnologia di immersioni nel mare profondo, la Cina  intensificherà l'esplorazione dell'Oceano indiano, considerato come il cortile dell' India.

La Cina si è assicurata già nel 2011 i contratti dall'autorità internazionale dei fondali marini ISA (International Seabed Authority)  per l'esplorazione dell' Oceano Indiano e dei suoi minerali solforati polimetallici e la sua nave di ricerca ha scoperto due aree idrotermali e quattro aree idrotermali anomali nella parte sud-ovest dell'oceano.

In base al contratto con l'ISA, la China Ocean Mineral Resources Rese e Development Association (COMRA) ha ottenuto i diritti esclusivi per esplorare 10.000 km quadrati di fondo marino nel sud-ovest dell'Oceano Indiano in una zona al largo della costa africana.

Lo scorso anno, nello stesso periodo, un altro sommergibile cinese, il Qianlong No 2 ha completato la sua prima esplorazione nel sud-ovest dell'Oceano Indiano. Qianlong No 2 era alla ricerca di depositi di solfuro e metalli preziosi.


Il successo dell'esplorazione dello Qianlong No 2 nell'Oceano Indiano ha dimostrato che l'AUV (veicolo sottomarino autonomo) può essere messo in pratica in indagini di risorse minerali di altura, dal momento che può adattarsi al complesso terreno nell'oceano e finire i compiti subacquei senza intoppi. Il veicolo sottomarino autonomo si è immerso 16 volte durante l'esplorazione dal 16 dicembre 2015 al 4 marzo 2016 nel sud-ovest dell'Oceano Indiano.


Immagini: islandculturearchivalsupport.wordpress.com - economictimes.indiatimes.com

Post in evidenza

Le 10 più terribili catastrofi naturali della storia

Se non interveniamo, il clima che verrà ci creerà una montagna di guai

Antartide: si profila una lotta epica nella caccia alle balene

Granny, l'orca secolare e suoi 100 giri del mondo

C'era una volta il Polo Nord

Idrogeno, la realtà della prossima generazione

L'ultimo oceano: il regno del pinguino

Qatargas, la mossa strategica sul gas liquefatto

Il riscaldamento globale nell'immaginario collettivo

Land grabbing senza pietà tra le tribù indigene del Borneo