A come Acqua



Da un vecchio post riveduto e aggiornato
 
Di tutta l'acqua presente sulla Terra, 1,4 miliardi di chilometri cubici, solo l'1% è acqua dolce, cioè acqua che si può bere. Tuttavia 2/3 di essa si trova racchiusa nelle calotte polari e nelle nevi perenni... sempre più a rischio...  Così l'acqua disponibile ricavata dai fiumi, dai laghi, dagli acquiferi ammonta a 105mila chilometr cubi, pari allo 0,3 per cento di tutta l'acqua non salata del pianeta e lo 0,26% delle riserve totali d'acqua dolce.

L'acqua potabile è destinata al consumo umano di tipo alimentare o domestico. Deve quindi possedere requisiti chimici, fisici, batteriologici e organolettici che la rendono sicura e gradevole. Non deve contenere sostanze organiche o germi patogeni (salmonella, vibrioni, batteri coliformi...) ma può contenere tracce di sostanze chimiche nocive. Può avere origine naturale (l'acqua dolce delle precipitazioni, dei ghiacci, delle sorgenti, falde sotterranee) o essere ottenuta con processi fisico-chimici di depurazione.

Nei Paesi ad economia avanzata le fonti d'acqua dolce naturale sono sempre più inquinate dal ricorso massiccio ai prodotti chimici in agricoltura (fertilizzanti, pesticidi) e dagli scarichi domestici e industriali;  nei Paesi poveri le risorse sono danneggiate dal degrado dei suoli e dalla contaminazione di microrganismi patogeni.

Le recenti stime fornite dall'OMS ci parlano di 2 miliardi di persone che non hanno accesso ad alcun tipo di acqua potabile. Sono ancora moltissime le persone costrette a utilizzare fonti di acqua contaminata, e ancora molti sono quelli che muoiono per malattie diarroiche imputabili al consumo di acqua insalubre (tifo, colera, dissenteria) e alla mancanza delle infrastrutture sanitarie di base, mentre diversi milioni vengono infettati da parassiti trasmissibili con l'acqua.

Il colera, ad esempio, é stato ampiamente eliminato nei paesi sviluppati dotati di sistemi di igienizzazione e di trattamento delle acque. Ma non nello Yemen, dove l'epidemia di colera è così diffusa per ingestione di cibo o acqua contaminata da feci umane, Secondo l'Organizzazione Mondiale della Sanità, quasi duemila persone hanno già ceduto a uno dei peggiori focolai di colera mai registrati nella storia moderna, con oltre 400.000 persone che hanno contratto la malattia.

L'acqua è il bene più prezioso che esiste ma comincia a scarseggiare. Occorre quindi utilizzarla con parsimonia e se non ci pensiamo noi comuni mortali a risparmiarla, chi volete che ci pensi ? 

Oggi lo spreco di acqua è ancora enorme. Soprattutto nei paesi industrializzati,

Più di un quarto di tutta l’acqua che si consuma globalmente serve a produrre oltre un miliardo di tonnellate di cibo che vengono poi buttate. Sappiamo quanto per l'agricoltura l'acqua sia fondamentale (ne usa in media il 70 per cento) ed è quindi alla base della catena alimentare dell'intero ecosistema. Secondo studi della Fao per arrivare a produrre un solo chilo di grano occorre addirittura una tonnellata di acqua dolce e per dissetare un bovino di 500 chili, occorre tanta acqua quanto ne serve per mantenere a galla un incrociatore.

La scarsità d'acqua potabile é diventata ormai un'emergenza planetaria e, molto probabilmente, sarà causa di guerre per aggiudicarsene l'accesso e il controllo.

Ma questo è un altro argomento di cui mi auguro di parlarne il più tardi possibile !


Immagini: www.cigota.rs - www.careinternational.org.uk/

Post in evidenza

Le 10 più terribili catastrofi naturali della storia

Oleodotti nel Mar Caspio: una partita da giocare

L'alba del nuovo impero

Il mistero delle antiche carte nautiche

Terremoto in Cile: l'anello di fuoco

Energia geotermica: si sperimenta un nuova tecnologia sul Newberry Volcano

Lo tsunami che ha messo in ginocchio il Giappone

La vergogna del mondo consumistico si trova nell'Oceano Pacifico

I grandi disastri ambientali causati dall'oro nero

Referendum in Sudan: una bomba a orologeria