Post

Visualizzazione dei post da Agosto, 2017

Firenze, l'asteroide in visita alla Terra

Immagine
Si chiama Firenze (Florence) ed é un asteroide di circa 4,3 chilometri e passerà vicino alla Terra domani 1 settembre. E'  il quarto asteroide vicino alla terra(NEA) e dovrebbe essere visibile agli astronomi dilettanti e professionali per le prossime sei o sette notti.

Secondo la Nasa, un così grande asteroide non è mai stato tanto vicino alla Terra da quando l'agenzia spaziale americana ha registrato questi fenomeni. Si stima che l'ultima volta che Firenze abbia superato questa distanza é stato nel 1890. E lo farà ancora nel 2500.

Può sembrare allarmante, ma non è così: l'asteroide passerà a 7 milioni di chilometri dalla Terra, circa 18 volte la distanza tra Terra e  Luna. Altri asteroidi si sono avvicinati prima, ma mai grandi come questo.

Firenze é stato scoperto nel 1981, battezzato così in onore di Florence Nightingale
un'infermiera britannica nota come "la signora con la lanterna" che era nata a Firenze. Fu considerata la fondatrice dell'assist…

La strategia cinese tra tensioni di confine e il transito nello stretto di Malacca

Immagine
Tra le incombenti crisi nella sua sfera d'interessi, dalla penisola coreana all'altopiano di Doklam nell'Himalaya, la Cina sta rafforzando la strategic petroleum reserve  (SPR) - la più grande fornitura di petrolio grezzo di emergenza al mondo. La vista delle grandi petroliere che scaricano nei giganteschi porti cinesi non dovrebbe sorprendere. All'inizio di agosto, la più grande petroliera attiva del mondo, la TI Europe(nell'immagine) è stata individuata nel porto di Ningbo, nella provincia dello Zhejiang, nel Mar Cinese Orientale. La imponente nave può traghettare 3 milioni di barili in una sola spedizione, un carico quasi simile alla produzione giornaliera totale del Kuwait ricco di petrolio.

La TI Europe è tra le quattro navi più grandi del mondo, insieme a TI Africa, TI Asia e TI Oceania. Tutti questi ultra-grandi vettori di grezzo sono stati costruiti dalla Daewoo Shipbuilding and Marine Engineering, nellaCorea del Sud. Per inciso, Il TI Oceania, precedentem…

Stati Uniti: l'uragano Harvey mette paura

Immagine
Sul finire della stagione degli uragani, ancora una volta nel famigerato Golfo del Messico, si sta formando un uragano che, secondo gli esperti potrebbe diventare spaventoso.

Milioni di persone si stanno preparando ad affrontarlo poichè si prevede una battaglia prolungata che potrebbe sconvolgere decine di contee a più di 100 miglia nell'entroterra.
Sette contee costiere da Corpus Christi all'estremità occidentale di Galveston hanno ordinato le evacuazioni obbligatorie di alcune aree.

L'ultima forte tempesta che ha colpito gli Stati Uniti fu l'uragano Wilma nell'ottobre 2005 in Florida.

Harvey, questo è il nome assegnato all'uragano che fa tanta paura, è cresciuto rapidamente da una depressione tropicale in uragano di categoria 1. I cicloni tropicali sono come dei motori, ma invece di combustibile hanno bisogno di aria calda e umida per sopravvivere. Il primo ingrediente per la formazione dei cicloni tropicali è la formazione delle calde acque oceanich…

La Russia da sola ha arrestato il riscaldamento globale...

Immagine
Ah, la Russia! La sorniona, audace e misteriosa Russia che, al pari delle formiche, come racconta la sua storia non troppo lontana, lavora per la comunità. 

Difatti, inaspettatamente, almeno per i suoi tanti detrattori, è riuscita ad arrestare il riscaldamento globale per un anno, riducendo la quantità di gas a effetto serra emesso di quasi il 50% a partire dal 1990.

Lo ha dichiarato venerdì il direttore generale del Center for Energy Efficiency Igor Bashmakov al Climate Forum delle città russe.

"Abbiamo ridotto notevolmente il volume delle emissioni, di quasi la metà, e poi abbiamo mantenuto questo livello", ha detto Bashmakov. "Se in Russia abbiamo mantenuto il livello delle emissioni del 1990, in questo momento avremmo dovuto emettere circa 41 miliardi di tonnellate di equivalenti, che è vicino a quello emesso da tutte le fonti globali, Vale a dire che la Russia ha effettivamente sospeso il riscaldamento globale per un anno  intero da solo e questo è un risultato con…

B come biogas... e nopal

Immagine
Il biogas o biometano è una miscela gassosa derivante dalla fermentazione di materiale organico (biomassa) operata da microrganismi oggi spesso ingegnerizzati. E', ovviamente, una fonte di energia rinnovabile e può essere prodotto da materie prime come rifiuti agricoli, fertilizzanti, rifiuti urbani, materiali vegetali, fognature, rifiuti verdi o rifiuti alimentari.

E' dunque un processo naturale che viene sfruttato nell'industria dove può essere prodotto dalla digestione anaerobica con organismi anaerobici di rifiuti organici - che digeriscono materiale all'interno di un sistema chiuso o fermentazione di materiali biodegradabili - o con processi termochimici a elevato rendimento, detti di gassificazione. Il biometano così ottenuto ha caratteristiche energetiche eccellenti e un grado di purezza spesso superiore a quello del gas di origine fossile.

Il biogas è principalmente metano ( CH 4 ) e anidride carbonica (CO 2 ) e può avere piccole quantità di solfuro di id…

Le piante medicinali dei popoli indigeni e la loro estrema importanza

Immagine
Nelle scorse settimane i co-fondatori di Vitanova, un marchio vitaminico che utilizza varie erbe medicinali nei suoi integratori, hanno viaggiato nella foresta pluviale per visitare la comunità degli Shuar e discutere con loro del progetto "Paying Forward"

Vitanova sta dando il 10 per cento dei suoi proventi per la conservazione e il rilancio delle conoscenze botaniche di tutto il mondo, aiutando i popoli indigeni a mantenere le loro lingue, culture e sapienza botanica,

Il New York Times afferma;  "...del volume stimato di 7.000 lingue parlate nel mondo di oggi, quasi la metà sono in pericolo di estinzione e rischiano di scomparire in questo secolo.

Il linguaggio degli Shuar o Jívaro, una tribù indigena ubicata nel sud ovest della foresta amazzonica, è ​​uno di quelli che vive una situazione difficile, che mette in pericolo la cultura della comunità e la loro antica conoscenza delle piante medicinali. Per contribuire a salvaguardare le tradizioni, il progetto Payin…

La curiosa offerta di lavoro della NASA

Immagine
SPAZIO

La NASA sta cercando un responsabile della protezione planetaria per proteggere il pianeta dalla potenziale contaminazione aliena.

L'annuncio, rivolto ai cittadini degli Stati Uniti fino al  14 agosto. è stato pubblicato sul sito ufficiale di ricerca del personale del governo statunitense.

Il lavoro, che per motivi di sicurezza è segreto, viene corrisposto con un salario a sei cifre: $124,406 to $187,000 per anno. Il ruolo implica l'arresto degli astronauti e dei robot da contaminazione con qualsiasi materiale biologico durante il viaggio spaziale.

"La NASA sostiene le politiche per la protezione planetaria applicabili a tutte le missioni di volo spaziale che possono intenzionalmente o involontariamente trasportare organismi terrestri e costituenti organici nei pianeti o in altri organismi del sistema solare, e in qualsiasi missione che impiega veicoli spaziali, che sono destinati a tornare sulla Terra e nella sua biosfera con campioni provenienti da targets ext…